Senato TV

876ª Seduta pubblica

Giovedì 14 settembre 2017 alle ore 16:30

Comunicato di seduta

La seduta è dedicata allo svolgimento del sindacato ispettivo.

La Sottosegretaria di Stato per la giustizia Chiavaroli, nel rispondere all'interrogazione 3-02749 del sen. Del Barba (PD) sulle dimissioni del Garante dei detenuti del carcere di Sondrio,ha dato conto dell'attività ispettiva, normativa e organizzativa posta in essere dal Ministro per migliorare le condizioni complessive dei detenuti e perseguire l'obiettivo del reinserimento lavorativo delle persone condannate. L'interrogante si è dichiarato soddisfatto.

Il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Rughetti ha risposto all'interrogazione 3-03430 del sen. Scibona (M5S) e altri sull'equipaggiamento dei Vigili del fuoco. L'interrogante ha giudicato insufficienti i fondi stanziati per l'equipaggiamento dei reparti che operano in situazioni di emergenza.

Lo stesso Sottosegretario di Stato Rughetti, nel rispondere all'interrogazione 3-03942 della sen. Bisinella (Misto) su iniziative in favore del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, ha dato conto delle procedure di assunzione in corso (301 unità a copertura del turn over entro il 31 dicembre); ha poi affermato che il Governo ha espresso parere favorevole sulla proroga al 2018 della graduatoria del concorso indetto nel 2008 e che è in corso di definizione il decreto per la ripartizione del fondo istituito con la legge di bilancio 2017. L'interrogante si è dichiarata parzialmente soddisfatta.

Il sen. Orellana (Aut) ha comunicato di voler trasformare l'interrogazione 3-03326, sulla mobilità ferroviaria delle persone con disabilità, in interrogazione a risposta scritta, che prenderà il numero 4-08047.

Il Sottosegretario di Stato Rughetti ha risposto infine all'interrogazione3-03141 della sen. Simeoni (Misto) e altri sull'organizzazione di seminari di studio sulla riforma costituzionale da parte della Scuola nazionale dell'amministrazione. L'interrogante si è dichiarata insoddisfatta: la Ministra Madia, che è stata riconfermata nel Governo Gentiloni, in contrasto con i suoi doveri istituzionali ha impiegato risorse pubbliche per formare i dirigenti pubblici su una riforma non ancora in vigore, che è stata poi bocciata nel referendum.

Le sedute più recenti

Nel sito

Fine pagina

Vai a: